La Body Recomp per casi “difficili”

Quando l’obbiettivo è perdere grasso, ma il metabolismo risulta rallentato, ostruito e/o con squilibri ormonali, la ricomposizione corporea non è così semplice.
In questi casi il deficit calorico o l’aumento dello dispendio energetico non sortisce l’effetto sperato ed è necessaria una strategia d’azione diversa.

Come ci si comporta quando si incontrano problemi simili?

Prima di tutto vale la pena esaminare altri fattori. Le carenze nutrizionali sono uno degli ostacoli più comuni. Un bilanciamento può quindi supportare la funzione del ciclo di Krebs, il COQ10 può aiutare molto, e così anche le vitamine del gruppo B, magnesio, potassio e altre vitamine fondamentali.

Per dirla in maniera più tecnica/scientifica, davanti a casi del genere è opportuno lavorare dall’interno verso l’esterno, se si vogliono ottenere risultati a lungo lungo termine.

In effetti è opinione comune che la mancata perdita di grasso sia sempre legata alle calorie ingerite e allo scarso dispendio energetico in palestra.

Ma un presupposto del genere imporrebbe un ulteriore abbattimento calorico e uno sforzo fuori misura in fase di allenamento. Tutto ciò in breve tempo determinerebbe altissimi livelli di stress e un effetto contrario devastante, e con conseguente aumento del cortisolo e squilibri ormonali improvvisi.
Risultato? Gonfiore, insonnia, disfunzione intestinale e blocco della perdita di grasso.

È necessario assicurarsi che le cellule funzionino correttamente e che non siano disfunzionali a causa di un’eccessiva infiammazione.
Se così fosse, sarebbe necessario ridurre l’infiammazione e la risposta allo stress nel sistema. Le due cose in genere vanno di pari passo.

Conclusioni

Grazie all’esperienza acquisita nel tempo, oggi sono in grado di bilanciare eventuali problemi metabolici alimentando il corpo e gli ormoni con cibi e integratori ricchi di nutrienti, regolando il ritmo circadiano, equilibrando i livelli di cortisolo e “accendendo” la PNS.

È un percorso molto serio, delicato e a volte lungo. Ma vale sempre la pena!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su